Brevissime sugli emulatori

Tutto nasce dal fatto che alcuni software girano solo su windows (quelli specialistici, per esempio, o quelli “governativi”). Chi, come me, non ama usare windows e predilige invece Mac (o linux) deve svicolare tra i trucchetti possibili.

Il primo è Wine (tecnicamente non un emulatore, ma un layer di compatibilità per far girare programmi windows dentro il sistema operativo ospite. Purtroppo, questo dmg per Mac non fa girare il programma che mi serve, e non ho tempo di sperimentare oltre (peccato, perché la versione dell’anno scorso dello stesso software gira perfettamente).

Tocca orientarsi verso le spiagge di una macchina virtuale completa con virtualbox (il pregio di questa soluzione è che ci sono diverse virtual machines già pronte su virtualboxes).

(questo tralasciando le ovvie soluzioni commerciali, vmware e parallels su tutti)

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>